Voce, volto e vita di Sergio Balestra

Musiche che richiamano dal passato, storie di minatori delle cave d’argento del Calisio e della Val dei Mòcheni, musiche che ricordano lotte partigiane con uomini e donne coraggiosi, musiche che rievocano tradizioni e valori delle nostre comunità più o meno antichi: questi e tanto altro i temi che presentano con le loro canzoni i “Poesica”, il gruppo musicale formato da Sergio Balestra pianista, Gianfranco Tomio chitarrista e Morena Roat cantante, che martedì 29 novembre scorso è stato ad Arco, alla libreria “Cazzaniga”, per il 4° appuntamento dell’iniziativa letteraria dialettale “En dialèt al més”, organizzata dall’Associazione culturale “Giacomo Floriani”. Lo stesso Sergio Balestra, affermato poeta di S. Orsola, ma goriziano di nascita, ha intervallato i vari pezzi musicali con alcune sue poesie dialettali che, prendendo spunto da una sua biografia molto complessa, fatta di esperienze di profugo e di frequenti cambiamenti di residenza, ne sanno cogliere gli aspetti più avvincenti e coinvolgenti. Non è mancato il dialogo con le persone presenti, anche per spiegazioni lessicali riguardanti termini di alcuni dialetti, cari a Balestra, a volte molto diversi da quelli altogardesani. Un pomeriggio letterario diverso dai soliti quello trascorso alla libreria di Giovanni Cazzaniga di Arco grazie a Sergio Balestra e ai “Poesica”! L’aver accostato la poesia dialettale ad una musica impegnata ha creato un ambiente e un’atmosfera assai favorevoli a far vivere un’esperienza certamente straordinaria.

Alessandro Parisi per l’Associazione “G. Floriani”, ringraziando gli ospiti e il pubblico intervenuto, ha ricordato che “En dialèt al més” riprenderà il 10 gennaio prossimo, sempre alle 17.30 e sempre presso la libreria “Cazzaniga” ad Arco, con la scrittrice Enrica Buratti Rossi.

Le storie lontane di Lia Bezzi Cinà

Sta già scrivendo testi in dialetto e in italiano per due possibili pubblicazioni: una sulla sua esperienza di vita a Rovereto, l’altra su alcuni episodi di guerra che ha ricostruito grazie a testimonianze dirette e ad un lavoro certosino di ricerca storica. Parliamo di Lia Cinà Bezzi, che martedì scorso (8 novembre 2022) ha presentato la sua produzione letteraria presso la libreria “Cazzaniga” di Arco davanti al consueto e interessato pubblico, richiamato da “En dialèt al més”, l’iniziativa organizzata dall’Associazione culturale “Giacomo Floriani” in collaborazione con la stessa libreria di Giovanni Cazzaniga. La scrittrice ha presentato con grande capacità espositiva la sua biografia, caratterizzata dalla sua infinita passione per il verseggiare sia in versi che in prosa. Non ha mancato di leggere diverse poesie tratte in particolare dai libri “Sangiotar storie lontane”, “Mìgole de vita”, “Spaventapasseri e altre storie”. Significative e struggenti quelle sulle donne della Vallagarina accusate di stregoneria e uccise barbaramente nel 1600. Come negli incontri precedenti con Mariano Bortolotti e Lilia Slomp Ferrari, c’è stato un interessante e piacevole dialogo fra la poetessa e le persone presenti, che hanno apprezzato il linguaggio particolarmente ricercato ed efficace teso a narrare, a descrivere, a manifestare sentimenti. Alessandro Parisi (Associazione culturale “G. Floriani”), che ha coordinato l’incontro, alla fine ha ringraziato gli ospiti e la stessa Lia Cinà Bezzi, ricordando l’evento del prossimo 29 novembre, sempre alle 17.30 e sempre presso la libreria “Cazzaniga”, con lo scrittore Sergio Balestra. Ha approfittato anche per pubblicizzare il Filò del 18 novembre prossimo, alle 20.30, presso la Casa degli Artisti “Giacomo Vittone” di Canale di Tenno. Un novembre pieno di iniziative culturali che l’Associazione spera siano di gradimento per tutti coloro che amano il dialetto e le tradizioni del passato.

L’anima di Bortolotti

Ritrovarsi in compagnia, ad ascoltare come il nostro dialetto trentino può evocare sentimenti, sogni, pensieri, affanni della vita. E’ questo il bello dei reading avviati alla libreria Cazzaniga di Arco (Trento). “En dialèt al més” è un’iniziativa dell’Associazione culturale “Giacomo Floriani”, con Sandro Parisi al divanetto assieme all’ospite di turno, per presentarlo e interpretarne il valore poetico. Martedì 4 ottobre a presentare le sue poesie dialettali c’era Mariano Bortolotti da Rizzolaga di Piné (“Ciorlaga”), con le sue due raccolte “Cossì… senza pretese” e “Ghirigòri e scarabòci”. Due volumetti con cui l’autore – così ha confessato – si mette a nudo, rendendo pubbliche le rime costruite in gran discrezione e per necessità di esprimersi ed esprimere anima e fantasia, partendo dalla realtà di tutti i giorni. Particolarmente attento agli angoli più disagiati della nostra società, Bortolotti – così lo interpreta Parisi – utilizzando metafore molto suggestive e una forma grafica ricercata, ma nel contempo spontanea, ne denuncia in modo pacato, ma deciso l’iniqua esistenza. I suoi versi, quindi, sono un contributo efficace alla conoscenza di un mondo intorno a noi spesso sconosciuto o ignobilmente ignorato.

Il pubblico, presente all’incontro, è stato emotivamente coinvolto, non mancando di intervenire a più riprese rendendo il tutto stimolante e molto piacevole.

Il prossimo incontro sarà l’8 novembre con Lia Cinà Bezzi, sempre alle 17.30.

Informiamo che il poeta successivo, cioè Sergio Balestra, sarà ad Arco il 29 novembre, anziché il 6 dicembre, sempre alle 17.30.

El merlo de Camp Trentin – Vecia Trent

‘Na nott for da la Fersena
a l’ombra misteriosa,
li soto a quele albere
menava la morosa.
En mez a do sospiri
e a qualche spizegon
la me soffia ‘n la recia:
“Me sposerat dalbon?”
El ven ben subit, l’è lì che ‘l ven,
cantava ‘l merlo de Camp Trentin.
A la stazion, domenega,
encontro ‘na serveta
con do putei che sbrigola,
n’altro ‘l vol la bozeta.
Coi oci fati a mandorla
la salta su de bot:
“Entant che neto ‘l Franzele,
lu ‘l tegna ‘l matelot.”
El ven ben subir, l’è lì che ‘l ven,
cantava ‘l merlo de Camp Trentin.
Vago al veglion en maschera,
vestì da Don Chisciotte,
col manto che me sbrindola
e le scarsele rote.
E ‘nsema a ‘na putela
me slanzo come ‘n cagn,
ma a mezanot la bela
la ziga: “Voi champagn!”
El ven ben subit, l’è lì che ‘l ven,
cantava ‘l merlo de Camp Trentin.
Forlì, oltre la Mendola,
a frote, come i frati ,
sgionfadi de canederli
se bina i deputati.
E ‘l President en gringola
‘l domanda a un de Bronzol:
“Mein Herr, no star vegnuto
quei zo del Sud Tirol.”
El ven ben subit, l’è lì che ‘l ven,
cantava ‘l merlo de Camp Trentin.

Giacomo Floriani – I fonghi

Stamatina, sui prai de la Marieta
ricamadi de sòl e de rosada,
ò trova i primi fonghi.
Fonghi de la saiéta, freschi e sani,
i pareva ‘na stròzzega de nani.
Mé som leva ‘l capei, i ò saludadi,
gh’ò carezza le sguanze
e, con bela maniera,
a um a um i ò messi ‘n la sestèla,
ringraziando contént la primavera.

Si, perché dopo quei de la saiéta
té capita, paradi da la luna,
i finferU, le brìse, le rosade,
i zaldini, le ombrele.
E drio, drio, tuti i altri; a zerli, a bène,
fim che passa le ultime gardéne.
O fonghi, sugo e sangue de la tera,
che savé da radis, da arcobaleni,
da sòl, da cél, da féni. Fonghi
vestidi come principi indiani,
con tòneghe quertade de brilanti,
perle dei bóschi, carne dei pastori,
caprizzi de pinete,
de lune e de saiete,
fonghi de raso, fonghi de veludo,
mi de cor ve saludo.

L’albezza! Quanta calma gh’è ‘n dei bòschi
apena desmissiadi.
I làresi i è biondi, i monti rosa,
el cél ‘na meravea. Che paze santa!
Zerto ‘l moment pu bel de la giornada.
Tase tut, e pur tut se móve e canta.
Mi alora tògo su la mé morosa,
‘na sestèla birbante e descantada,
e vago fòr per fonghi.

Apiam apiam, per porteghi de verdi,
coi oci ‘n mam, mi rusco fra le foie,
zerco fra ‘l muscio, sposto qualche rama.
Mé bate ‘l cor! El sangue nò ‘l mé ‘ngana.
Mé fermo! Ecola chi ‘na brisa bianca.
Empianto ‘l mé bastom, cargo la pipa,
la vardo, la còcolo, ghe discoro…
Mé par d’aver trova ‘n filom de oro.

E quando mi gh’ò piena la sestèla,
che pesa e che mé grata,
torno svelto, a sòl alt, a la mé baita.

Le ombrele mé le ‘mpano, quei dal sangue
i méto, oio e sal, su la gradela;
e le brìse le curo e pò le zerno,
e le sane le séco per l’inverno.
Fonghi de raso, fonghi de veludo,
mi de cor ve saludo.

a Bepi Pozzini

Silvano Forti – San Martin

Te prego en dinocioni San Martin,
regàleme metà dela mantela
perché gò fret e fam e ‘n la scudèla
gh’è sol polènta biota e ‘n goz de vin.

E sule vigne no gh’ è pu ‘n rasin
da spigolar. Tase la fontanèla.
E no vèn pu nessun per la stradèla
tra i pezzi. Son mi sol. Sul comodin

gh’è ‘l ritrat de me mama e me papà
che i à cognèst arbandonar el Mas
nel trentasei, per colpa del combià…

En l’anima me trema ancora ‘l pas
de noi, del bò, d’en car lontan che va
chissà ‘ndó, chissà ‘ndó, senza far cias.

Lilia Slomp Ferrari – Vènt 

I nòssi passi i gà l’estro del vènt
quando che ’l sa el quadro, la cornis,
quel tremolar de ’ngani en le stagión
coi òci lustri de malinconia.
L’è ’l sonador de musiche segrete,
te le respiri en l’arfi de ogni pass
el sia de fiori, fòie o de la strìa
che la te ’nsemenìs prima del giaz.
El vènt l’è le to ale stramissiére,
le spenelade date de scondón,
na lagrima che cuca ’ntéi bicéri.
Quant che te voleressi ’mbriagarte
al sòn del so mantel enté la tonda.
Sen tuti pelegrini de confin,
spatuzzada de rizzi sora l’onda.

 

Vento
I nostri passi hanno l’estro del vento / quando sa il quadro, la cornice, / quel tremolare di inganni nelle stagioni / con gli occhi lustri di malinconia. / È il suonatore di musiche segrete, / le respiri nel fiato di ogni passo / sia di fiori, foglie o della strega / che ti stordisce prima del ghiaccio. / Il vento è le tue ali giocoliere, / le pennellate date di nascosto, / una lacrima che sbircia nei bicchieri. / Quanto vorresti ubriacarti / al suono del suo mantello nella tonda. / Siamo tutti pellegrini di confine, / scompiglio di riccioli sopra l’onda.

Pierino Scaramuzza – Formije

Rujante ‘n formije le m’ fa nar for mat
le trovi ‘ntel zucer, ‘ntel frigo, ‘ntel lat.
L’é una dre a l’aotra, le va ‘n prozesion
je né dapertut, en ogni cianton.
Le zapi, le sghizi, le spazi de fora
ma le torna dent, mai una che ‘n mòra.
Doi dì son mancia e nanc’ farlo aposta,
adès, ste putane le trovi ‘n la costa.
Le sent al ciaodin e alora le zira
e tut la me ciasa le zapa de mira.
E alor von dal “Pifer” a tòr al verén:
“Ades, speta mi, ve irati ben ben”.
No l’è che me plasia, ‘nzì tant, ‘sto dover
e po’, se je pensi, le fa ‘1 sò mister.
Ma po’: “Ste zo bas, che nzuni ve tocia.
Ve don da magnar, ve ‘ncuci la bocia!”
Ma tò, le ven su dale s-ciale de legn
per nir a trovarme, che tant le je tegn!