Solo, un sonetto – El Lata

Sì, passano con le loro mascherine,
passano anche senza le mascherine,
nessuno mi guarda o mi riconosce.
Però sopra c’è un bel cielo azzurro!

Questo viale è verde, fresco e quieto.
Mi conviene restare sulla panchina.
Ma dove sono finiti, gli amici?
Io resto qui, forse passerà qualcuno!

Per ora ho visto solo sconosciuti.
Italiani, giovani e pochi vecchi.
Spariti! Morti? O sono solo vecchi?

Suonano le campane, un funerale:
se n’è andato un altro. Io attendo.
Non so cosa, ma attenderò da solo.

Agosto 2020

El Lata – A volte se pensa…..(sonetto per Chiara)

Na volta le Corone le feva gola.
‘N coi i gà tutti paura del Corona.
Vedet che roba, come cambia i tempi!
A noi manca la nòsa Antonietta.
Si aven avù anca qualche altro problema,
de salute, che però aven acétà!
Noialtri però sempre uniti ala zòca.
El Carlo l’è chi con mi, e anca el Luca
e i soi i sta bèn, el Paolo e i tre,
tranquilli al lavoro, anca la Chiara.
El Nicola e la Nadia i fa la so vita.
Na consolazion i neodi, a scola.
E alora de cosa te lamentet?
Te ai pasà i novantun, grazie al Signor!

El Lata – Sonetto per Antonietta

Te ricordet Antonietta su ‘n
zima al Cornet del Bondon? Noi, soli.
Gaven la foto che nel ricorda.

Subito soto la zima gh’era
l’aqua, quela del Cornet
I diseva che la ven dal Brenta.

E dopo, aven fat el Dos d’Abram
e la zima Verde, pò zo fin ale Viote.
Te ricordet sula ferata che
te ai tòt su le stele alpine?

Ghè la foto con ti sentada en mez
a lore, la regina del Bondon.
Te par che se pòl desmentegar
robe compagne vissude ensieme?