El vért de la Busa /23

Maronèr

(Castagno-Castanea sativa)

di Sandro Parisi*

Ghe va su na fraca de bestie: schirati, gaze, gril, pigòzzi, perfìm zivete. Parlém del maronèr, na pianta che ‘n autùm la se ‘mpienìss de maroni, quei fruti così boni che i li zerca tuti, omeni, done, boci e bestie. El maronèr l’è na pianta granda anca trenta metri, coi tronchi grossi, screpolài, con dele sfrise fonde. El só legn l’è così dur che i contadini i lo useva per far le testére dele pèrgole dele vigne (ancòi i usa la plastica o ‘l fer). Le foie le è verde, longhe e grande, coi denti picenini dale bande. Le fa na cioma che dà na bela ombrìa l’istà. Quando riva ‘l frét, le casca e alora l’è ‘n gran laoràr a torle su. Come avém dit prima, sta pianta la fa i maroni (che pol esser anca le castagne, però pù picole dei maroni), che i è scondùi nei rizzi, tuti pieni de spine. Se pol còserli nel’aqua o brustolarli ne na padela sbusada, ma se pol anca magnarli sechi. Sti chì sarìa i móndoi. I boci de Arco na volta i podeva compràr i móndoi, ‘nsema ala caròbola, dai Gavatta che i gaveva ‘l banchét postà al mur dela cantina “Marchetti”.

Na roba da nó desmentegàr: quando se vol darghe na brustolada ai maroni, bisogn prima taiàrghe la scorza, perché se no i s’ciopeta come le capete e se pol farse del mal.

da “‘Na ceseta de montagna” di Giacomo Floriani

ai péi de la montagna, zircondada

da ‘na vecia faméa de castagnèri,

che i té ‘mpienis la testa de penséri,

gh’è ‘na ceseta quasi abandonada.

da “Le castagne” di Giacomo Floriani

Ah ve giuro che quando l’altro dí,

ho vist fór da le Porte ‘n padelóm

piem de castagne arosto, mi ò sentí

al cór, en quel momént, en zèrt strucóm;

perché, quel vecio padelóm sbusà,

có le prime castagne brustolade,

l’anunzieva che néva via l’istà,

có le só bele e lìmpide giornade,

da Càpita l’inverno di Giacomo Floriani

Putèi!… Càpita l’inverno

de scondom da le montagne;

ma mi, furbo, da ‘na banda

gh’ò ‘na bèna de castagne,

‘na conzal de Fontanele,

en cosina qualche zoca,

da scaldarme quando ‘l fioca.

da “La prima neve” di Giacomo Floriani

Boie sul fogolar de la mé baita

en paról de castagne, che ‘l tramanda

bonodori de salvia e de montagne.

En vecio zoc de làres, spore de muscio,

enbalsamà dal sól e da la brina,

l’arde da n’óra, pacifico e alegro,

spandendo ‘n bel tepór per la cosina.

*Alessandro Parisi è un insegnante in pensione, arcense doc, amante del dialetto trentino e della nostra storia locale, curatore di una bella rubrica in dialetto sulla rivista La Busa. Siamo felici di avviare con questo testo una sua collaborazione con Arcopoesia, dando spazio a questo suo interessante lavoro sulle essenze arboree tipiche del nostro territorio del Basso Trentino. Alla scoperta di piante che ci circondano e di cui spesso non sappiamo che poco o nulla. Grazie Alessandro!

El vért de la Busa /22

Margaragn

(Melograno-Punica granatum)

di Sandro Parisi*

Dal giardino di casa Zanin ad Arco

L’è na pianta da fiori e da fruti, da vanéza e da giardìm. Alta anca fim a sète
metri, la g’ha i rami co le spine. Le foie prima le è rosse e po’ le deventa
verde. Co la stagióm freda le casca zó tute. I fiori i è bei rossi. I fruti, i
margaragni, i è rotondi, grossi e zaldi con en poch de ross chì e lì e, quando i
è maùri, i se davèrze: dentro se vede le somenze rosse che, schizzàe, le dà
na bevanda da lecarse i bafi.

da “Pianto Antico” di Giosuè Carducci
L’albero a cui tendevi
la pargoletta mano,
il verde melograno
dai bei vermigli fior,
nel muto orto solingo
rinverdì tutto or ora
e giugno lo ristora
di luce e di calor.

*Alessandro Parisi è un insegnante in pensione, arcense doc, amante del dialetto trentino e della nostra storia locale, curatore di una bella rubrica in dialetto sulla rivista La Busa. Siamo felici di avviare con questo testo una sua collaborazione con Arcopoesia, dando spazio a questo suo interessante lavoro sulle essenze arboree tipiche del nostro territorio del Basso Trentino. Alla scoperta di piante che ci circondano e di cui spesso non sappiamo che poco o nulla. Grazie Alessandro!

El vért de la Busa /21

Mandolèr

(Mandorlo-Prunus amygdalus)

di Alessandro Parisi*

El mandolèr l’è una dele piante che fiorìss per prime ‘n primavera. La g’ha ‘l tronco ‘n poch svérgol co la scòrza scura. I rameti, se i ciapa ‘l sol, i è ‘n poch rossi chì e lì. Le foie dale bande ‘l par che le gabia i dentini de na sega. Sora le è bele verde e soto grise. I fiori, a mazzét, i è rosa ciar. Ala fim de l’istà se
tol zó i fruti a forma de ovét schizzà, che i g’ha na sgussa dura che, per torghe for la màndorla, bisogn usàr el martèl. Da la màndorla i speziài i tira for ‘n oio che le done, ma ancòi anca i òmeni, i usa per esser pù bele.

da “La primavera” di Giacomo Floriani
Da le ère coi pózzi a la romana,
endó i pài i fà la róda a fantasía,
se spande ‘na baldoria d’alegría,
en bonodór de vita forte e sana.
Le ritorna al só nif le rondinele,
come d’incant fioris i mandoleri,
se sbocia i primi bútoi sui roseri
e ‘n del cór torna le speranze bele.
El té sfódera ‘l cél la só bandera,
ricamada de sól e de colori;
e fra ‘n bordèl de canti e de splendori,
torna la santa e cara primavera.

*Alessandro Parisi è un insegnante in pensione, arcense doc, amante del dialetto trentino e della nostra storia locale, curatore di una bella rubrica in dialetto sulla rivista La Busa. Siamo felici di avviare con questo testo una sua collaborazione con Arcopoesia, dando spazio a questo suo interessante lavoro sulle essenze arboree tipiche del nostro territorio del Basso Trentino. Alla scoperta di piante che ci circondano e di cui spesso non sappiamo che poco o nulla. Grazie Alessandro!

El vért de la Busa/20

Magnolia

(Magnolia-Magnolia grandiflora)

di Alessandro Parisi*

“Viale delle Magnolie”: così ‘l se ciama ‘n vial che gh’è a Arco fra la cesa
granda e ‘l monument al’arciduca Alberto d’Austria. El g’ha dó file longhe
longhe de magnolie che l’è ‘n spetàcol véderle. Le è bele grande, na desina
de metri, co le foie slongàe, lùzide, d’en bel vert scur sora e rùzem soto. Le è
dure come ‘l coràm e le sta su anca l’inverno. Come arivà l’istà, la magnolia la
buta for dei fiori bei grandi e bianchi con en bonodór. Chi che vol en po’ de
ombrìa basta che ‘l ghe vaga soto.

da “L’ombra della magnolia” di Eugenio Montale

L’ombra della magnolia giapponese
si sfoltisce or che i bocci paonazzi
sono caduti. Vibra intermittente
in vetta una cicala. Non è più
il tempo dell’unìsono vocale,
Clizia, il tempo del nume illimitato
che divora e rinsangua i suoi fedeli.
da “Come è nat el Garda” di Giacomo Floriani
E a st’aqua tuta quanta ‘ncoloría,
stó sciap de ànzoi e fate misteriose,
i ghe meteva ‘ntorno n’alegría
de giardini cargài de bele rose,
d’olivi, de magnolie e limoneri,
e ‘n riva o somenài sui montesèi,
fra ‘na festa de vigne e mandoleri,
paesoti vardadi da castèi.

*Alessandro Parisi è un insegnante in pensione, arcense doc, amante del dialetto trentino e della nostra storia locale, curatore di una bella rubrica in dialetto sulla rivista La Busa. Siamo felici di avviare con questo testo una sua collaborazione con Arcopoesia, dando spazio a questo suo interessante lavoro sulle essenze arboree tipiche del nostro territorio del Basso Trentino. Alla scoperta di piante che ci circondano e di cui spesso non sappiamo che poco o nulla. Grazie Alessandro!



			
						
					

El vért de la Busa /19

Limonèr

(Limone-Citrus limonum)

di Alessandro Parisi*

El limóm nó ‘l sarìa na pianta che crésse dale nòsse bande, perché nó la vol el massa frét e gnanca ‘l massa calt, ma gavèndo chì ‘l lach de Garda la s’è adatàa benóm. Così se vede limonèri dapertut: nei giardini, vizìm ale case, nei orti, su per i dossi riparài dal frét e dal calt. Zó per el lach, vers Bressia, gh’è adiritura ‘n paés che ‘l se ciama “Limóm” e lì gh’è na rata de limonèri da far spavento. I li vende ai turisti perfìm sule stràe ‘ntant che i passa co le machine. El limóm l’è na pianta miga tan granda, coi rami co le spine e le foie bele grande, verde, che le mola fora ‘n bonodór e che le ghe resta sempre su. I fiori i è bianchi con qualche maceta rossa. I fruti bei zaldi se pol torli zó squasi per tut l’am.

da “L’òra” di Giacomo Floriani

Òra fresca e marzolina,

che té scorle i limonèri,

che a l’onda celestina

cèssa, cèssa berechina

té ghe spètene i penséri,

el tó zefiro sotil,

òra cruda marzolina,

che zà sbocia ‘l bel april.

*Alessandro Parisi è un insegnante in pensione, arcense doc, amante del dialetto trentino e della nostra storia locale, curatore di una bella rubrica in dialetto sulla rivista La Busa. Siamo felici di avviare con questo testo una sua collaborazione con Arcopoesia, dando spazio a questo suo interessante lavoro sulle essenze arboree tipiche del nostro territorio del Basso Trentino. Alla scoperta di piante che ci circondano e di cui spesso non sappiamo che poco o nulla. Grazie Alessandro!

El vért de la Busa /18

Lagerstrémia

(Lagerstroemia)

di Alessandro Parisi*

Tante nòsse strade le è piene de sta pianta, perché la g’ha de bel che i só fiori i resta per quasi tuta l’istà. La Lagerstrémia la pol rivàr anca ai quatro metri de altezza. Se la pol riconósser fazilmént dala scorza che l’è bela lissa, squasi bianca, e dai fiori color rosa. I fiori ‘l par dele panoce da come i sta ‘nsema. Qualcheduni i la póa per farla deventàr na zésa. Chi che g’ha ‘n giardìm for de cà, ‘l farìa na bela roba a méter zó sta pianta chì.

Mattino d’Autunno

di Federico Garcia Lorca

Che dolcezza infantile

nella mattinata tranquilla!

C’è il sole tra le foglie gialle

e i ragni tendono fra i rami

le loro strade di seta.

*Alessandro Parisi è un insegnante in pensione, arcense doc, amante del dialetto trentino e della nostra storia locale, curatore di una bella rubrica in dialetto sulla rivista La Busa. Siamo felici di avviare con questo testo una sua collaborazione con Arcopoesia, dando spazio a questo suo interessante lavoro sulle essenze arboree tipiche del nostro territorio del Basso Trentino. Alla scoperta di piante che ci circondano e di cui spesso non sappiamo che poco o nulla. Grazie Alessandro!

El vért de la Busa /17

Ginco

(Ginkgo-Ginkgo biloba)

di Alessandro Parisi*

I diss che sia la pianta pù vecia del mondo. Noi ghe credém, perché nó savréssem come far a savér se l’è vera. Savém sol che l’è ‘n monument de pianta tant che l’è bela e alta anca trenta metri. El tronch l’è gris scur, scanalà e con dele sfrise chì e lì. Le foie le g’ha la forma de na ventala, le è verde ciar e, quando riva ‘l fret, le deventa zalde come l’oro che l’è ‘n gran bel véderle. I fiorelini i è anca quei zaldi. Quei che g’ha passiom per le erbe da medizina i usa le foie e i buti per far zó qualche beveróm che l’aiuta a star bem de salute. A Arco, drio ‘l chiosco denór ala Cassa Rurale, ‘n ghe n’è um che l’è ‘n gran bel da véder.

da “Ginkgo biloba di Wolfgang Goethe

La foglia di quest’albero d’Oriente
affidato al mio giardino
delizia il sapiente
coi suoi significati nascosti.

È un essere unico
diviso al suo interno?
O sono due che hanno scelto di unirsi
così da sembrare uno?

*Alessandro Parisi è un insegnante in pensione, arcense doc, amante del dialetto trentino e della nostra storia locale, curatore di una bella rubrica in dialetto sulla rivista La Busa. Siamo felici di avviare con questo testo una sua collaborazione con Arcopoesia, dando spazio a questo suo interessante lavoro sulle essenze arboree tipiche del nostro territorio del Basso Trentino. Alla scoperta di piante che ci circondano e di cui spesso non sappiamo che poco o nulla. Grazie Alessandro!

El vèrt de la Busa /16

Erba zalda

(Ginestra-Genista)

di Alessandro Parisi*

Se se varda su per la “Còsta” del Castèl de Arco, se ‘n vede ‘n mucio de erbe zalde. Nó le è tant alte, le è dei boscheti verdi coi fiori zaldi che i par dele farfaline. En inverno casca zó tut. L’erba zalda l’è na pianta che ghe piaseva tant al Leopardi, che l’ha pensà de scrìverghe su na poesia. Chì soto ‘n ghe n’è ‘n tochét:

da “La ginestra” di Giacomo Leopardi

Qui su l’arida schiena
Del formidabil monte
Sterminator Vesevo,
La qual null’altro allegra arbor nè fiore,
Tuoi cespi solitari intorno spargi,
Odorata ginestra,
Contenta dei deserti…….

*Alessandro Parisi è un insegnante in pensione, arcense doc, amante del dialetto trentino e della nostra storia locale, curatore di una bella rubrica in dialetto sulla rivista La Busa. Siamo felici di avviare con questo testo una sua collaborazione con Arcopoesia, dando spazio a questo suo interessante lavoro sulle essenze arboree tipiche del nostro territorio del Basso Trentino. Alla scoperta di piante che ci circondano e di cui spesso non sappiamo che poco o nulla. Grazie Alessandro!

El vért de la Busa /15

Gelsomìm

(Gelsomino-Jasminum)

di Alessandro Parisi*

‘N ghe n’è de tanti tipi de gelsomìm e tuti i fa fiori de colori diversi. El gelsomìm l’è na piantesèla che va bem nei giardini, a far zése su per le stupaie, a rampegàr su per i muri e su per le piante. Chì da noi gh’è quela dai fiori zaldi zaldi. Le foie le è picoline, verde scur e le casca quando riva ‘l frét. La mola for ‘n odor che per qualcheduni l’è bom, per altri l’è spuzza. Qualche speziàl el la usa per far profumi.

da “Il gelsomino notturno

di Giovanni Pascoli

E s’aprono i fiori notturni,

nell’ora che penso ai miei cari.

Sono apparse in mezzo ai viburni

le farfalle crepuscolari.

……………………….

Dai calici aperti si esala

l’odore di fragole rosse.

Splende un lume là nella sala.

Nasce l’erba sopra le fosse.

*Alessandro Parisi è un insegnante in pensione, arcense doc, amante del dialetto trentino e della nostra storia locale, curatore di una bella rubrica in dialetto sulla rivista La Busa. Siamo felici di avviare con questo testo una sua collaborazione con Arcopoesia, dando spazio a questo suo interessante lavoro sulle essenze arboree tipiche del nostro territorio del Basso Trentino. Alla scoperta di piante che ci circondano e di cui spesso non sappiamo che poco o nulla. Grazie Alessandro!

El vért de la Busa /14

Fighèr del’India

(Fico d’India-Opuntia ficus indica)

di Alessandro Parisi *

Sicome chì da noi gh’è ‘n bom clima, cresse tante piante propri perché nó ‘l fa massa fret e gnanca massa calt. Una de sté chì l’è ‘l Fighèr del’India. La g’ha rami che ‘l par dele rachete da pin pong, verde e co le spine che spónze tant. I fiori i è zaldi. I fruti i è come i ovi e se pol magnarli. Però bisogn tirarghe via la pèl, perché anca quei lì i g’ha le spine, così picole che nó se le vede gnanca.

da “Fico d’India” di Francesco Giuliano
Spavaldo si erge
sulla nuda roccia,
da un’esile strato terroso
si alimenta,
le ime radici penetranti affonda,
i verdi cladodi a ventaglio esplode.





*Alessandro Parisi è un insegnante in pensione, arcense doc, amante del dialetto trentino e della nostra storia locale, curatore di una bella rubrica in dialetto sulla rivista La Busa. Siamo felici di avviare con questo testo una sua collaborazione con Arcopoesia, dando spazio a questo suo interessante lavoro sulle essenze arboree tipiche del nostro territorio del Basso Trentino. Alla scoperta di piante che ci circondano e di cui spesso non sappiamo che poco o nulla. Grazie Alessandro!