Conte bisonte

Conte da le braghe ònte
dal capèl de paia
conte te sei na canaia.

Conte bisonte
da le braghe onte
dal capèl de paia
sior conte canaia.

Questa filastrocca, molto conosciuta, in realtà la ricordiamo noi a nonna Roberta, dopo averla scoperta nel volumetto di Maria Beatrice Bertoldi, Filastrocche trentine e giochi di altri tempi. Edito da UTC nell’ormai lontano 1987.

Santa Luzia /2

Stasera è la viglia di Santa Lucia e le tradizioni che l’accompagnano resistono ancora in molti dei nostri paesi e vallate – per quanto tristemente insidiate dagli Halloween di turno…

Santa Luzia l’è vizina;
Su da bravi, ne’ a dormir;
Metè fora la farina
E no feve pu sentir.
N’anzolim el la compagna
E la mena n’asenel,
La vegn dentro da campagna,
La va fora da Castel;
La ga ’n gaida tanta roba
Da magnar e da ciuciar,
E po l’asem su la goba
El ga sora ’n gran Bazar.
Guai però se i popi i cria,
Guai a quei che no obediss;
L’asenel el passa via
E po’ ’l agola ’m paradiss!
Guai a quei che fa dispeti,
Che no i vegn quando i se ciama,
Che i maltrata i poereti,
Che no i scolta la so mama;
Guai a quei che diss bosie,
Che ne dis le so oraziom,
Che strazzai, come le strie,
I va sempre a zibaldom!
Per quei popi, dove’ creder,
Santa Luzia e l’asenel
I fa finta de no veder
E i sparis piam piam bel bel.
Dunque né, penseghe drio,
E po’, prima de dormir,
Prometéghe al Sioredio
D’esser bravi e d’obedir.

Santa Luzia

Presti pòpi né a dormìr

meté fòra la farina

e no féve pù sentìr.

Se la mama non ghe ‘n méte

resta vot le scudeléte

col tacuin de me papà

le scudeléte se ‘mpienirà

Questa filastrocca richiama alle antiche usanze del 13 dicembre, per Santa Lucia. I bambini preparavano per la santa cieca e per il suo asinello il piatto con la farina. Che però si riempiva di dolci e di agrumi solo se…. il papà metteva mano al portafogli….

Sette sorelle

Eravamo sette sorelle

ci specchiavamo nelle fontane

eravamo tutte belle.

La prima per cucire voleva gli aghi d’oro

la seconda per filare voleva le stole d’oro

la terza per ricamare voleva i fili d’oro

la quarta per dormire voleva le coltri d’oro

la quinta per imbandire voleva le coppe d’oro

la sesta per sognare voleva sogni d’oro

la settima per cantare …

… cantare solamente

non voleva niente!