El vért de la Busa /23

Maronèr

(Castagno-Castanea sativa)

di Sandro Parisi*

Ghe va su na fraca de bestie: schirati, gaze, gril, pigòzzi, perfìm zivete. Parlém del maronèr, na pianta che ‘n autùm la se ‘mpienìss de maroni, quei fruti così boni che i li zerca tuti, omeni, done, boci e bestie. El maronèr l’è na pianta granda anca trenta metri, coi tronchi grossi, screpolài, con dele sfrise fonde. El só legn l’è così dur che i contadini i lo useva per far le testére dele pèrgole dele vigne (ancòi i usa la plastica o ‘l fer). Le foie le è verde, longhe e grande, coi denti picenini dale bande. Le fa na cioma che dà na bela ombrìa l’istà. Quando riva ‘l frét, le casca e alora l’è ‘n gran laoràr a torle su. Come avém dit prima, sta pianta la fa i maroni (che pol esser anca le castagne, però pù picole dei maroni), che i è scondùi nei rizzi, tuti pieni de spine. Se pol còserli nel’aqua o brustolarli ne na padela sbusada, ma se pol anca magnarli sechi. Sti chì sarìa i móndoi. I boci de Arco na volta i podeva compràr i móndoi, ‘nsema ala caròbola, dai Gavatta che i gaveva ‘l banchét postà al mur dela cantina “Marchetti”.

Na roba da nó desmentegàr: quando se vol darghe na brustolada ai maroni, bisogn prima taiàrghe la scorza, perché se no i s’ciopeta come le capete e se pol farse del mal.

da “‘Na ceseta de montagna” di Giacomo Floriani

ai péi de la montagna, zircondada

da ‘na vecia faméa de castagnèri,

che i té ‘mpienis la testa de penséri,

gh’è ‘na ceseta quasi abandonada.

da “Le castagne” di Giacomo Floriani

Ah ve giuro che quando l’altro dí,

ho vist fór da le Porte ‘n padelóm

piem de castagne arosto, mi ò sentí

al cór, en quel momént, en zèrt strucóm;

perché, quel vecio padelóm sbusà,

có le prime castagne brustolade,

l’anunzieva che néva via l’istà,

có le só bele e lìmpide giornade,

da Càpita l’inverno di Giacomo Floriani

Putèi!… Càpita l’inverno

de scondom da le montagne;

ma mi, furbo, da ‘na banda

gh’ò ‘na bèna de castagne,

‘na conzal de Fontanele,

en cosina qualche zoca,

da scaldarme quando ‘l fioca.

da “La prima neve” di Giacomo Floriani

Boie sul fogolar de la mé baita

en paról de castagne, che ‘l tramanda

bonodori de salvia e de montagne.

En vecio zoc de làres, spore de muscio,

enbalsamà dal sól e da la brina,

l’arde da n’óra, pacifico e alegro,

spandendo ‘n bel tepór per la cosina.

*Alessandro Parisi è un insegnante in pensione, arcense doc, amante del dialetto trentino e della nostra storia locale, curatore di una bella rubrica in dialetto sulla rivista La Busa. Siamo felici di avviare con questo testo una sua collaborazione con Arcopoesia, dando spazio a questo suo interessante lavoro sulle essenze arboree tipiche del nostro territorio del Basso Trentino. Alla scoperta di piante che ci circondano e di cui spesso non sappiamo che poco o nulla. Grazie Alessandro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.